Parchi naturali dappertutto. E in Svizzera?

Parchi naturali creano nuove identità

Verso il successo, coraggiosamente e con perseveranza

naturparke

In altri paesi, anche attorno alla Svizzera, i parchi nazionali e naturali vanno ormai da sé da decenni. Ciononostante, fino al 2008, il Parco nazionale Svizzero, fondato nel 1914 nella Bassa Engadina e nella Val Müstair, rimaneva il solo grande spazio protetto svizzero. Nel 1998, alcuni interventi parlamentari richiesero una base legale per allestire, nelle zone adeguate della Svizzera, dei parchi che avrebbero servito alla protezione della natura e del paesaggio, alla biodiversità, alla pianificazione del territorio, all'economia regionale, al turismo e alla popolazione residente. La straordinaria diversità di paesaggi svizzeri aspettava di essere riconosciuta come parco.

Nel 2003, dopo i lavori preliminari, ho assunto il compito dei parchi e l'ho consolidato con una squadra. A quel momento, l'insieme del lavoro non era ancora un'avventura prevedibile. Il primo passo, ossia il messaggio legale al Parlamento, è stato la vittima del programma di risparmio del Consiglio federale, nel 2004. Fu la prima buona decisione del Governo, poiché diversi interventi parlamentari provenienti da tutti i partiti politici lo costrinsero a ridargli il via. Nel 2005, il Governo lo approvò ma ne stralciò il finanziamento. Fu la seconda buona decisione in questo affare. Il finanziamento tornò nell'incarto fin dalla prima seduta della commissione parlamentare, accompagnato dal mandato di garantire la qualità. Questa ambiziosa nuova partenza mi motivò a impegnarmi a favore di questa causa, di cui ancora oggi rimango fermamente convinto.

Seguirono anni di turbolento lavoro politico, nei quali ho imparato molto. Il Parlamento approvò l'articolo legale sui parchi a stragrande maggioranza, un fatto inusitato, trattandosi di un affare ambientale. I miei compiti erano appassionanti e le attività molto variate: diverse presentazioni nelle regioni interessate e attività di comunicazione con i media, l'elaborazione dell'ordinanza sui parchi e i negoziati con i governi cantonali, l'elaborazione delle direttive per inoltrare la candidatura e per valutarla, in collaborazione con studi di consulenza esterni, la creazione di manuali per generare valore aggiunto nei parchi naturali mediante il turismo. O la realizzazione di un concorso per creare il marchio parco, i marchi distintivi della qualità dei parchi. Il primo parco è stato riconosciuto nel 2008 e nel 2013 ne esistevano già 15, più quattro candidati nell'istituzione, fra i quali due nuovi parchi nazionali.

La creazione di nuovi parchi naturali ha avuto l'effetto di dinamizzare una quantità sorprendente di regioni che avevano ormai ottenuto una nuova identità grazie ai parchi. Le buone prestazioni sono state ricompensate finanziariamente dallo Stato e distinte mediante il marchio di qualità "Parco d'importanza nazionale". La mia iniziativa è sboccata su un accordo di cooperazione con Svizzera Turismo che, oltre al marchio di qualità, assicura ai parchi svizzeri un'efficace piattaforma di marketing sul piano internazionale.

Con il senno di poi, mi riempie di soddisfazione e di fierezza pensare di avere contribuito tanto a questa success story, con una squadra così motivata. La conclusione che ne traggo è la seguente: il coraggio fa bene.

Cercate un sostegno coraggioso e perseverante?
Il vostro compito mi appassiona. Potete contare sul mio impegno.

 

Mi rallegro fin d'ora del nostro primo colloquio.
Poseremo insieme le pietre miliari.

Mettetevi semplicemente in contatto con me.

Se non conoscete ancora i parchi naturali della Svizzera e le loro variegate offerte turistiche, lasciatevi sedurre. Questa App vi accompagnerà lungo il cammino.

Come sono stato valutato

"La sua visione del mondo e le sue ampie vedute gli consentono di percepire tempestivamente gli sviluppi e di trovarvi le adeguate risposte che possono poi essere applicate. Le sue competenze e la sua gran perseveranza hanno contribuito notevolmente alla riuscita di tre affari politici importanti per il nostro ufficio e per il posizionamento internazionale della Svizzera: la politica della Confederazione per creare nuovi parchi in Svizzera, che lui a formato sostanzialmente; il Concetto Paesaggio Svizzero, concetto di valore internazionale che aveva dato importanti impulsi alla Convenzione Europea del Paesaggio. Finalmente l'elezione della Svizzera nel Comitato Patrimonio mondiale dell'UNESCO ed il suo ruolo attivo della delegazione per la realizzazione della Convenzione del 1972 sul Patrimonio mondiale." 

Franz-Sepp Stulz, capodivisione Natura e paesaggio, Ufficio federale dell'ambiente, UFAM, Berna, Svizzera. Dicembre 2010